"Questo blog è stato pensato per tutte le persone che desiderano provare l'esperienza estrema del Bungee Jumping. Troverete tutte le informazioni per poterlo praticare dall'EUROPABRUCKE. ............

.......... con noi si salta dal Bungee da ponte PIU' ALTO D'EUROPA - 192metri"

Davide Bungee





La Sicurezza



Di sicurezza, nel panorama del bungee jumping italiano, se ne cominciò a parlare seriamente dopo il primo e unico incidente mortale che avvenne nel maggio del 2002 su un ponte vicino a Terni.


Dopo questo FATTACCIO ( raccontato nell'articolo del Corriere della Sera riportato a piè di pagina )  tutti i team italiani decisero di sospendere l'attività e per un anno intero si lavorò per cercare di arrivare alla creazione di una normativa affinchè non si ripetesse mai più un incidente come quello di Terni.
La normativa ancora oggi, anno 2011, non è arrivata ad essere legiferata a causa della solita burocrazia italiana.
I team, comunque, dopo aver scritto lo STANDARD ITALIANO SALTO CON L'ELASTICO ( SISE ) che prevede una linea guida di operazioni, materiali e attrezzature da usare nelle attività di bungee jumping in Italia, si sono impegnati a rispettarlo secondo tutti suoi punti.


"Il team di Rupert Hirner, ha portato la sicurezza a uno step più alto. Da bravi austriaci, oltre a rispettare tutte le regole dello standard italiano, hanno il vantaggio di lavorare con strutture e materiali all'avanguardia grazie anche alla decennale esperienza del team, il primo a proporre questa esperienza in Europa.".




Le procedure prevedono un doppio controllo da parte di più operatori su tutte le fasi di preparazione del lancio.
Pure la costruzione degli elastici, che avviene sempre ad opera del nostro team, segue un criterio di primo livello, essendo praticamente identica alla procedura del team leader al mondo A.J.Hackett della Nuova Zelanda visibile in questo video:



Il team ha collaborato anche con la facoltà di Ingegneria Meccanica della Università degli Studi di Padova per testare i propri elastici.
I risultati hanno confermato ottimi coefficienti di sicurezza per quanto riguarda i range di peso addottati per ogni elastico e per quanto riguarda la sua vita di utilizzazione grazie ad un test a fatica.



Questo articolo del Corriere della Sera, uscito il giorno dopo l'incidente, fa riflettere su come fosse necessaria una normativa che desse delle linee guida per regolare questo sport estremo.
---------------------------------------------------------------------------------------------
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2002/05_Maggio/02/elastico.shtml 
L'incidente al ponte di Polino ripreso con una videocamera 
In volo dal ponte, muoiono due giovani
Tragedia vicino a Terni: si lanciano in coppia per provare il brivido del «bunge jumping», si schiantano a terra
TERNI - Due giovani, un uomo di 25 anni e una donna di 26, sono morti la scorsa notte schiantandosi dopo un lancio di «bungee jumping» dal ponte di Polino, vicino a Terni. Intorno alle 20.00 hanno compiuto un lancio in coppia e invece di essere trattenuti dall'elastico si sono schiantati sul greto del torrente. Le indagini sono in corso per capire se e come abbiano ceduto i moschettoni che tenevano collegato al ponte il cavo elastico, trovato intatto dai soccorritori. Il ponte di Polino viene utilizzato da circa quattro anni dagli amanti della specialità estrema.


UN VOLO DI 100 METRI - I due sono precipitati da un'altezza di circa 100 metri, rimanendo uccisi sul colpo. L'incidente è avvenuto in località Ponte Canale, in una gola tra Polino e Arrone. Si tratta di una zona dove il bungee jumping veniva praticato ormai da diverso tempo. I giovani, Alberto Galletti e Tiziana Accorrà, si sono lanciati da un ponte costruito durante il fascismo, con delle campate particolarmente alte, sotto al quale scorre un torrente che per la maggior parte dell'anno è però in secca. Lui era un caporalmaggiore della Folgore, di Magliano Sabina (Rieti). Proprio oggi il giovane avrebbe festeggiato il venticinquesimo compleanno. Con lui è morta sul colpo anche la fidanzata.

VIDEOCASSETTA - «L'impianto era già chiuso - ha detto il gestore intervistato ieri sera sera dal Tg3 dell'Umbria - e i due giovani mi hanno chiamato al telefono all' ultimo momento. Mi hanno detto che erano ad Arrone, pregandomi di non chiudere l'impianto, di aspettarli. È stata una fatalità». Approfittando della festività del primo maggio e della bella giornata, in molti avevano deciso di provare l'emozione del salto. Tutti gli altri lanci si erano svolti senza problemi. Una videocamera ha ripreso il salto della morte: la videocassetta è ora al vaglio dei carabinieri e del magistrato che coordina l'inchiesta. A chiedere di essere ripresi erano stati i due giovani. Per questo avevano pagato 70 euro, mentre il costo di un lancio senza ripresa e di 50 euro. Nel filmato - secondo indiscrezioni - si vedrebbero Accorrà e Galletti lanciarsi nel vuoto, ma non sarebbe inquadrata la «base di lancio» ancorata al ponte. Su questa struttura si sta concentrando l'attenzione degli investigatori che stanno cercando di capire le cause dell' incidente. 

---------------------------------------------------------------------------------------------

La perizia decretò che la colpa non era da attribuire al sistema "elastico - moschettoni" ma ad un errore umano.
Successe difatti che a causa di un mix tra distrazione e stanchezza l'operatore non ancorò nella giusta maniera l'elastico alla struttura. Il risultato fu che una volta che la coppia di saltatori si lanciò, non essendoci ancoraggio, precipitarono con tutto l'elastico sul greto del fiume.


COME PRENOTARE

COME PRENOTARE

( Obbligatoria - Pagamento Anticipato per ottenere gli sconti riservati ad ExtremeDNA )


-A

Inviate via mail a extremeDNAbungee@gmail.com i dati di ogni partecipante comprensivi di:

1) nome cognome;

2) residenza (con paese, via, provincia e CAP);

3) luogo (con provincia) e data di nascita;

4) recapito telefonico di ogni jumper

5) peso da vestiti

6) copia di una tessera universitaria fronte retro Valida

7) indicate la data per la quale vorreste saltare e 2 orari a voi preferenziali.


-B

Una volta ricevuta la vostra mail, vi spediremo in risposta le coordinate per il pagamento tramite bonifico dell’intera quota del salto.


-C

Una volta ricevuta via mail una Vostra ricevuta del pagamento vi confermeremo la prenotazione con l’orario.


-D

Chiameremo il referente del gruppo qualche giorno prima dell'evento in modo da dare tutte le informazioni base e creeremo un gruppo Whatsapp per tutte le altre informazioni e indicazioni.


P.S. Per altre INFO chiama dopo le 18.00 il (prefisso +39) 3939179692 Davide (Vodafone - WhatsApp - Telegram)



N.B.

- Il limite di peso inferiore è di 50Kg, quello superiore è di 105Kg.

Chi sarà sopra o sotto questo peso non potrà salatare.

- Si accettano prenotazioni solo per maggiorenni (18 anni compiuti).




COME RAGGIUNGERCI

COME RAGGIUNGERCI

Passato il Brennero troverete un'uscita sulla destra per una stazione di servizi. Usciti entrerete in un'area di sosta con bar e bagni pubblici. In fondo al parcheggio è situato la casetta di accoglienza del bungee team.







PREZZI

EtremeDNA ha raggiunto un accordo con il team del mitico Rupert Hirner per offrire ai soli residenti in Italia e turisti in suolo italiano i seguenti prezzi riservati..

1 - Salto singolo - Euro 159,00 (prepagato).

2 - Salto singolo, con sconto Universitari (Obbligatoria Tessera Universitaria Valida da presentare anche sul Ponte!) - Euro 139,00 (prepagato)

3 - Salto per gruppi da 6 a 10 Jumpers - Euro 144,00 (prepagato)

4 - Salto per gruppi di 11 e + Jumpers - Euro 144,00 (prepagato)

5 - Prenotazione salto ma senza pagamento in anticipo - Euro 169,00 (caparra di 50 euro a persona richiesta al momento della prenotazione).

La videoripresa viene creata riprendento l'esperienza da 3 postazioni differenti.

Il costo del video acquistato direttamente sul ponte senza prenotazione è di Euro 31,00.

Se prepagato Euro 29,00.

E' permesso l'uso di action cam montandole solamente sulle scarpe (motivi di sicurezza).

Vi informiamo che il Ponte d’Europa si trova sottostante ad una strada a pedaggio.

Dal confine con l’Austria non vi è più l’obbligo di “vignette”, ma e' previsto un pedaggio di Euro 8,90 previsto per la manutenzione del ponte stesso. Sulla via del ritorno è possibile evitare di pagare nuovamente il pedaggio.

CONTROINDICAZIONI


CONTROINDICAZIONI

Costituiscono CONTROINDICAZIONI per chi intende saltare:

- cardiopatie di qualsiasi natura
- ipertensione arteriosa
- sincopi o svenimenti di qualsiasi natura
- alterazioni strutturali delle vie arteriose e venose
- danni dell'apparato osseo, muscolo-tendineo e delle articolazioni
- patologie otorinolaringoiatriche con disturbi dell'equilibrio
- patologie neurologiche centrali e periferiche (paralisi, paresi, epilessia, ecc.), psicosi, nevrosi importanti
- patologie dell'apparato genito-urinario
- stato di gravidanza
- patologie oculistiche (miopia grave, miopia degenerativa, glaucoma, ecc.)
- soggetti sotto l'influsso di droghe e alcool

Regole pratiche

Anche se il bungee jumping è uno sport estremo, è in realtà alla portata di tutti, dalla persona che pratica sport regolarmente a quella che lo pratica saltuariamente.

In ogni caso:

- dare una letta alle controindicazioni (che sono similari a quelle che si trovano all'ingresso dei Parchi Divermenti)

- non praticare il bungee nel caso reduci da traumi alle caviglie (è la parte del corpo più soggetta a sforzo)

- comunicare se soggetti a problemi alle spalle ( se la spalla vi fuoriesce facilmente durante particolari movimenti ) in quanto lo sbraccio causato dalla fase di decelerazione potrebbe essere deleterio. La soluzione in ogni caso è semplice. Vi sarà chiesto di saltare tenendo afferrato l'imbrago con le braccia incrociate al petto

- prima regola comunque il buon senso. Son capitati jumpers che volevano saltare con chiodi nelle gambe, braccia ingessate, legamenti rotti. Incredibile ma vero!

NOTA: l'ultima voce delle controindicazioni è spesso non rispettata.